• Menu
  • Menu

Weekend tra Baden Baden e Strasburgo

Vai alla scheda paese Germania Vai alla scheda paese Francia

Allora per il ponte 28 Aprile – 1 Maggio dove andiamo?“. Questa fu la domanda che noi, 4 amici, ci siamo posti forse troppo tardi.

Era il 2018, da mesi programmavamo di farci un viaggio tutti e 4 insieme, ma tra impegni lavorativi ed altro, ci siamo ritrovati a decidere una meta circa un mese prima del ponte. Potete immaginare quindi che i prezzi erano alle stelle per ogni destinazione.


Andammo così per esclusione, ponendoci come unico limite un budget di un centinaio di euro per il volo A/R. Girando su Skyscanner, l’unica possibilità era “Baden Baden” in Germania.

Premetto che nessuno di noi conosceva questa cittadina, ma appena abbiamo scoperto vi fossero le terme, non esitammo neanche un minuto per prenotare. Volevamo farci una vacanza di relax.

Spendemmo circa 115 euro a testa per il volo A/R, rientravamo quindi più o meno nel budget deciso.

Sabato 28 Aprile

Partimmo di sabato con Ryanair; il viaggio fu abbastanza tranquillo. Con meno di due ore eravamo a Baden-Baden (era un volo diretto). Per raggiungere il nostro appartamento abbiamo preso il taxi. Tenete conto che siete in Germania, i prezzi sono alti e di conseguenza anche i Taxi!

Una volta arrivati ci siamo incontrati con la nostra host. L’appartamento lo avevamo prenotato su Booking. Devo dire che abbiamo perso un po’ di tempo in quanto arrivati davanti alla porta, non c’era nessuno ad attenderci. Avevo tentato di avvertire del nostro arrivo appena atterrati all’aeroporto, ma al numero che mi era stato dato partiva una voce registrata in lingua tedesca.

Fortunatamente (ma dopo più di mezz’ora di attesa), arriva la nostra host. Abbiamo alloggiato al “Ferienwohung am Paradies“, spendendo in totale 410 euro per 3 notti. Quindi sui 34 euro a notte a persona. Sicuramente non poco, ma credo sia stato il più economico trovato!

Appartamento Baden Baden

Ci siamo sistemati e riposati una mezz’ora, per poi uscire e farci una passeggiata nella città.

Baden Baden è molto piccola, ma anche molto piacevole da girare a piedi. Si tratta di una cittadina tranquilla e ricca; lo si nota sia dagli ambienti che dalle case, ma soprattutto dalle auto che girano. Penso che il più povero vada in giro con il Mercedes.

Non c’è molto da vedere qui, ma lo sapevamo. Infatti la nostra vacanza è stata improntata molto sul relax e lo stare insieme.

Viale Baden Baden
Viale principale
Teatro Baden Baden
Teatro
Casinò Baden Baden
Casinò

Camminando, camminando, senza rendercene conto, il tempo era passato, tanto che si era fatta ora di cena. Decidemmo così di fermarci al “Wallstreet im Hamilton“, un ristorante/pub, che si affaccia sull’Oos, uno dei fiumi del Baden-Wurttemberg.

Lo consiglio sia per cena (ovviamente con una bella birrozza) che come dopocena, infatti il locale è molto carino anche per prendersi un bel drink serale.

Ci sono due premesse da fare:

  1. Non aspettatevi chissà quale cucina. Si mangia carne, patatine fritte, panini e ancora carne e ancora patatine fritte (sembrerebbe così in tutta la Germania).
  2. Non aspettatevi di spendere poco. Calcolate circa di spendere sempre 25/30 euro a testa per pasto.

Dopo cena e dopo un piccolo dopocena alcolico, siamo ritornati nel nostro appartamento. Il giorno dopo ci aspettavano le terme!

Domenica 29 Aprile

Il giorno seguente, siccome non volevamo passare l’intera giornata alle terme, in quanto ci saremmo annoiati, decidemmo che avremmo fatto il biglietto per 3 ore, il cui costo era di 19 euro (esclusa l’area sauna, altrimenti sarebbe stato 23).

In realtà però, la nostra host, ci aveva consegnato dei ticket che ci avrebbero permesso di stare alle terme un’ora in più gratuitamente. Quindi con 19 euro a persona ci siamo fatti 4 ore di terme.

Qui a Baden Baden, ci sono due terme principali:

  • Quelle di “Caracalla“, che sono le più famose e frequentate.
  • E le “Friedrichsbad Roman-Irish Bath“, terme naturiste (ovvero si sta nudi).

Noi abbiamo optato per le prime.

Come dicevo prima però, non volendo passare tutta la giornata alle terme, nella prima mattinata abbiamo deciso di girare ancora la città, per vedere gli ultimi angolini che avevamo lasciato inesplorati.

Arriviamo alla Chiesa Evangelica di Baden Baden, dove nella sua piazza, c’era una sorta di meridiana indicante le distanze di varie capitali.

Chiesa Evangelica Baden Baden

Girando per la città è possibile ritrovare edifici e scorci molto particolari.

Weinstube im Baldreit (è un ristorantino, ma non lo abbiamo provato)

Infine, ci siamo fatti una bella passeggiata al Kurk Park, un parco a pochi passi dal Casinò (che poi alla fine qui è tutto a portata di piede!)

Kurk Park Baden Baden

Un’oasi di pace. Qui ho trovato un’azalea che mi ha fatto subito ricordare il giardino di casa.

Si era fatta ormai ora di pranzo (e dopo ci aspettavano le terme), ci siamo quindi rincamminati verso il teatro, in quanto, la sera prima, avevamo adocchiato un posticino proprio dietro il teatro stesso, il Berlioz.

Il ristorante è gestito da un signore di origini greche, infatti offre alcune pietanze della sua tradizione.

Purtroppo non ho foto dei piatti, ma abbiamo mangiato una fettina panata di dimensioni esagerate. Ricordo con felicità questo ristorante, forse grazie alla mezza ubriacatura che ci siamo presi quel giorno. Ricordo che non abbiamo fatto altro che ridere, probabilmente il proprietario ci avrà presi per matti; ma senza vergogna decidemmo di ritornarci poi anche la sera e finì allo stesso modo!

Finito il pranzo, ci siamo incamminati verso le terme (ok forse non è l’ideale, dovrebbe valere la solita regola del “non farti il bagno dopo aver mangiato”).

Essendo stato anche a quelle di Budapest, ovviamente le due non sono paragonabili, si tratta di terme e di stili diversi. Ovviamente le terme di Széchenyi sono imbattibili, ma devo dire che l’ambiente di queste è molto rilassante e sono fatte molto bene. C’è sia una parte interna che una esterna e varie vasche con diverse temperature.

Terme Baden Baden
Terme Baden Baden
Terme Baden Baden

Abbiamo passato così qui il nostro pomeriggio, per poi tornare in appartamento a rilassarci (come se non ci fossimo rilassati abbastanza!!) e ritornare a cena dal nostro amico greco, che solamente troppo tardi abbiamo capito comprendesse benissimo l’italiano, di conseguenza i nostri discorsi deviati!

Lunedì 30 Aprile

Poiché ormai conoscevamo ogni angolo di Baden Baden, abbiamo deciso di dedicare l’intera giornata di lunedì a Strasburgo!

Da Baden Baden il treno ci mette poco più di un’ora ed è il mezzo sicuramente più comodo per raggiungere Strasburgo. Con circa 30 euro A/R dovreste cavarvela!

Appena arrivati, ci si rende conto subito che Strasburgo è una città magica. Alcuni scorci ed alcune case sembrano uscite fuori dai classici libri delle favole. Sotto certi aspetti mi ha ricordato Bruges; sicuramente per i vari canali che attraversano la città.

Si esplora facilmente a piedi, e posso assicurarvi che non ci si rende conto di quanti km si percorrono a fine giornata!

Le due principali cose da non perdere sono sicuramente la Cattedrale di Notre-Dame:

Visualizza questo post su Instagram

#followmeto Catheédrale Notre Dame De Strasbourg, Strasbourg, France ???

Un post condiviso da Dario (@darioflyhawaii) in data:

Cattedrale Strasburgo

Davvero suggestiva, trasmette senso di grandezza e maestosità. Purtroppo è difficile, con una foto, riuscire a comunicare le emozioni che ti dona vedendola dal vivo nella sua interezza.

SPETTACOLARE!

Cattedrale Strasburgo
Gli interni della Cattedrale

La seconda tappa imperdibile, è il quartiere della Petite France, ovvero il paese delle favole:

Visualizza questo post su Instagram

#followmeto Petite France, Strasbourg, France❤️???

Un post condiviso da Dario (@darioflyhawaii) in data:

Camminando per le strade di Strasburgo, ci siamo poi imbattuti nel Palazzo dei Rohan. Questo edificio fu costruito per il vescovo Armand-Gaston-Maximilien de Rohan-Soubise al posto del precedente palazzo vescovile.

Palazzo dei Rohan

Per il pranzo abbiamo dovuto arrangiarci, in quanto il posto che avevo adocchiato era purtroppo pieno. Era “L’Epicerie“. Se vi capita di andarci fatemelo sapere!

Ci siamo così fermati al ristorante “Le Kuhn“:

Qui qualcuno di noi ha azzardato a prendersi la pizza, l’ho assaggiata e devo dire che non era male (detto da me che non prenderei mai e poi mai una pizza all’estero…)

L’ambiente è davvero bello e curato ed anche il cibo non è niente male. I prezzi si attestano sullo standard di Baden Baden, quindi da considerarsi sempre quei 25/30 euro a persona. Qui però ho trovato una qualità maggiore, di conseguenza li ho spesi più volentieri!

Si era fatto tardi, non avevamo il tempo per fare la gita sul battello, che avremmo voluto tanto fare, di conseguenza ci siamo incamminati verso la stazione per ritornare in Germania!

Avevamo totalizzato una percorrenza di circa 20km a piedi! Eravamo distrutti. Il viaggio di ritorno in treno ce lo siamo fatti nel silenzio totale.

Arrivati nuovamente a Baden Baden, c’è un episodio divertente da raccontare. Ci siamo detti “Vabbè prendiamo il taxi per tornare all’appartamento”. Usciti dalla stazione c’era la classica corsia dei Taxi dove stavano in fila indiana, uno dietro l’altro, in attesa di caricare le persone scese dal treno.

Teoricamente, come funziona del resto qui in Italia, ci si reca dal primo della fila. Era un Mercedes Vito nero. Dalla stazione, al nostro appartamento erano esattamente 6,7km. Quanto mai ci sarebbe potuto costare? Beh, percorso circa 1km il tassametro segnava già più di 5 euro. Essendo io seduto di spalle non mi ero reso conto di niente, quando una mia amica fa all’autista “Stoooop! Credo di essermi dimenticata il telefono al bar della stazione, può tornare gentilmente indietro?“.

Torniamo indietro scendiamo e lì la mia sorpresa fu vedere 10 euro segnati sul tassametro, per aver percorso neanche 2km. Capii che quella del cellulare era una scusa e liquidammo così l’autista.

Non capimmo mai il motivo per il quale quel Taxi era più caro rispetto a tutti gli altri.

Decidemmo di prendere l’autobus per circa 2 euro.

Tornammo in appartamento a riposarci, eravamo distrutti. La sera andammo nuovamente al Wallstreet im Hamilton dove facemmo anche serata bevendo qualche cocktail. Anche lì, causa probabilmente la stanchezza, stavamo belli brilli! Ma direi, dignitosamente brilli.

La mattina dopo, Martedì 1 Maggio tornammo con il taxi all’aeroporto per tornare a casa.

Conclusioni

Baden Baden è una cittadina tranquilla e ricca. Non c’è molto da vedere. Posso consigliarla a chi vuole passare un weekend di tranquillità alle terme e a chi conta di visitare anche Strasburgo; altrimenti 3 giorni pieni a Baden Baden sarebbero una noia mortale!

Consigliata anche a chi ama i Casinò (ma che conseguentemente deve avere abbastanza soldi). Insomma non è una meta che si può consigliare a tutti. Se l’idea vostra è quella di passare un paio di giorni di relax va più che bene. Altrimenti puntate su altro.

Altro punto fondamentale è che non è affatto economica, tenete quindi in considerazione anche questo. In conclusione posso però dire che, il viaggio, così come lo abbiamo impostato noi (più sotto forma di vacanza relax) me lo sono goduto a pieno. Strasburgo in particolare mi è piaciuta tantissimo e merita indubbiamente una visita; è stata quella chicca in più che ha reso ancora più memorabile e piacevole la vacanza!

Economico
Trasporti
Adatto alle famiglie
Adatto ai single
Adatto alle coppie
Cibo
Sicurezza
Vai alla scheda paese Germania Vai alla scheda paese Francia

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *