• Menu
  • Menu

3 giorni a Valencia: i posti da non perdere!

Come ogni anno a Natale, abbiamo preso l’abitudine di farci un viaggetto in una cittadina europea. Quest’anno ha vinto Valencia!

Con la mia famiglia ho avuto modo di girare la Spagna varie volte, dal nord al sud, ma Valencia ci mancava proprio. Abbiamo quindi colto l’occasione per farci un salto, alla scoperta della sua storia e soprattutto della sua paella!!

Ecco a voi le principali attrazioni imperdibili (secondo me) che questa allegra e viva cittadina offre:

1. La Cattedrale di Valencia e El Miguelete

La Cattedrale di Valencia è sicuramente uno dei primi luoghi da visitare; consacrata nel 1238 è caratterizzata dal suo stile gotico veneziano. Interessante sapere, che la cattedrale sorge su un luogo che era prima occupato da un tempio romano e successivamente da una moschea.

L’entrata principale è la cosìddetta “Puerta de los hierros“. Questa è la parte più recente della cattedrale, risale infatti al 1703.

Puerta de los hierros

Un’altra cosa interessante della Cattedrale, è che sembrerebbe che al suo interno, sia custodito il vero Santo Graal. Questo è protetto da una teca situata in una cappella a pianta quadrata all’interno della chiesa stessa.
La leggenda narra che sia arrivato qui grazie al diacono Lorenzo (quello che noi conosciamo come San Lorenzo), che per proteggerlo, decise di portarlo nella sua città natale, Valencia!

Sarà davvero lui? Chissà! A noi e ai Valenciani piace credere di sì!

Visitata la Cattedrale, non potete non fare un salto al Miguelete, ovvero il campanile. E con “fare un salto” intendo salire i suoi 207 gradini della scala a chiocciola, che non è il massimo della comodità!

Da qui potrete ammirare gran parte della città di Valencia.

Per quanto riguarda i prezzi, se ci andate la domenica l’ingresso è gratuito (così come per molte attrazioni), altrimenti il costo è di 8 euro.

2. I Giardini del Turia e la città della Scienza (..e il famoso “Acquario”)

Fuori dalla città, lungo l’enorme parco dei Giardini del Turia (che merita una passeggiata), troviamo l’immensa Città della Scienza. Questa copre una superficie di ben 350.000 metri quadrati. Potete ben immaginare dunque che in un giorno è praticamente impossibile riuscire a girarsela tutta!

Il nome completo sarebbe “Ciutat de les Arts i les Ciències” ed è composta da:

  • El Palau de les Arts Reina Sofía, un edificio dall’aspetto molto particolare dedicato alle arti sceniche.
  • L’Hemisfèric progettato da Santiago Calatrava e Félix Candela, è praticamente un mega cinema con la sala IMAX più grande della Spagna.
  • L’Umbracle, un giardino pubblico stile moderno composto da archi fissi e mobili. Questo giardino contiene più di 50 specie di piante tipiche di Valencia.
  • Museo delle scienze Principe Felipe, al cui interno troviamo uno dei più grandi pendoli di Foucault del mondo.
  • Parco oceanografico di Valencia, il famoso acquario che vanta la presenza di più di 40.000 specie diverse.
  • Pont de l’Assut de l’Or che rappresenta il punto più alto della città.
  • L’ Ágora, una piazza coperta che viene utilizzata per eventi sportivi e convegni.

Sicuramente se venite a Valencia, visiterete l’Oceanografico (l’acquario). Effettivamente è molto bello e vale una visita, anche se ritengo il prezzo del biglietto un po’ troppo alto. Il solo ingresso costa circa 30 euro.

Preparatevi bene in quanto ci sarà molto da camminare essendo davvero enorme! Potrete trovare però una infinità di specie marine. Le meduse sono fantastiche!

3. Il barrio del Carmen

Questo è il quartiere più antico di Valencia, ed ora è il cuore della vita notturna. Se prendete qui l’appartamento contate che la notte farete difficoltà a dormire! Ma se siete a Valencia, perché dormire quando la città, la sera, si è appena svegliata?

Locali, localetti, localini, pub, troverete di tutto e di più! Questo è il posto ideale dove bere una birra o un cocktail in compagnia. Qui sembra sempre festa, ogni giorno e non solo nel weekend!

4. La Lonja de la Seda

Ubicata nella Plaza del Mercado, è una delle principali attrazioni di Valencia. Nel 1996 è stata nominata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, in quanto rappresenta uno degli esempi meglio conservati dell’arte tardo gotica in Europa.
Il suo scopo, nel 1500, era quello di luogo di scambio e contrattazioni per la compravendita della seta; oggi, viene ospitata al suo interno, l’Accademia Culturale di Valencia, in cui vengono spesso organizzate manifestazioni espositive.

Personalmente sono rimasto a bocca aperta dinnanzi a queste colonne. Un vero e proprio spettacolo!

5. Il Mercado Central

Che siate amanti del cibo o meno, il Mercado Central deve essere una tappa obbligatoria. Sono rimasto a bocca aperta davanti a tutto quel ben di Dio! Troverete pesci, carne, salumi, formaggi, ortaggi, frutta di ogni tipo. Non c’è cosa che il Mercado Central non abbia.

I banchi di pesce creano un esplosione di colori mai vista prima. Pensate che un primo mercato risale già al 1839!

6. Chiesa di San Nicola di Bari e San Pietro Martire

Ebbene sì, esiste la Chiesa di San Nicola di Bari a Valencia, ed è anche uno spettacolo per gli occhi! Dai Valenciani viene definita la Cappella Sistina Valenciana (però ehi, andiamoci piano con le parole!).
Da romano non posso essere d’accordo con questa affermazione, in quanto con le cose sacre (la Cappella Sistina, la carbonara e i supplì) non si scherza mica!

Merita sicuramente una visita in quanto effettivamente i colori e di dipinti sono mantenuti divinamente anche grazie al recente restauro.

La chiesa è facilmente raggiungibile a piedi, come gran parte dei punti chiave della città!

7. Iglesia de los Santos Juanes

Questa è una Chiesa che o piace o non piace. Non viene menzionata molto e non viene spesso indicata nelle cose principali da vedere, ma comunque, a parer mio, una visita, se si ha tempo, la si deve fare!

L’audioguida è molto interessante e descrive l’intera storia della Chiesa dei Santi Giovanni, del suo processo di restaurazione e delle sue vicissitudini. L’opera di restauro è ancora in atto e dovrebbe completarsi nel 2024.

8. Palazzo del Marqués de dos Aguas

“CHE MERAVIGLIA!”, questo è quello che esclamerete vedendo questo edificio!

Attualmente è sede del museo della ceramica González Martí, in passato era però l’abitazione dei Rabassa de Perellós, famiglia titolare del marchesato di Dos Aguas.
Nel 1941 il palazzo è stato restaurato e presenta oggi uno stile roccocò di forte impatto.

9. Marina di Valencia e le sue spiagge

Se avete tempo fate un salto sulla costa, a farvi una bella passeggiata sulla spiaggia. Consiglio in particolare la “Playa de la Malvarrosa“, bella in ogni periodo dell’anno!
Pensate che noi ci siamo fatti una passeggiata a dicembre e si stava da Dio!

L’unica cosa che può dar fastidio è il forte vento, ma nulla di insormontabile, la bellezza del mare non ha eguali ovunque voi siate!

10. Churros, Paella e Agua de Valencia

Più che qualcosa da vedere, qui parliamo di cose da mangiare (e bere!). Infatti non potete andar via da Valencia senza aver prima provato la famosa Paella, originaria proprio di qui!
La vera ed originale paella valenciana è a base di carne, solo successivamente sono nate le varie alternative con i frutti di mare (che personalmente preferisco).

Sulla “paella più buona di Valencia” è sempre un gran discutere, per questo motivo dedicherò un articolo a parte per questo argomento.

Altra cibaria da non perdere, sono i famosi churros, una specie di frittelle lunghe fritte che si mangiano o singolarmente o “pucciate”, generalmente nella cioccolata! Insomma una bella colazione dei campioni!

Infine, in uno dei tanti locali del Barrio Del Carmen, non potete non provare la famosa Agua De Valencia, un cocktail a base di cava o champagne, succo d’arancia, vodka e gin. Non lasciatevi spaventare da tutto questo alcol, posso dirvi che va giù che è una meraviglia. Provare per credere!

Conclusioni

Questa è la classifica delle 10 cose da fare a Valencia. La città è molto piccola e si gira tranquillamente a piedi. Rispetto agli altri natali, devo dire che ho avvertito poco lo spirito natalizio, forse anche a causa della temperatura media di 20-25 gradi di Dicembre! Sicuramente è una città da vedere consigliata soprattutto ai giovani. Una città che non dorme mai!

Economico
Trasporti
Adatto alle famiglie
Adatto ai single
Adatto alle coppie
Cibo
Sicurezza

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *